L’Odissea delle Origini: Diario di viaggio #2: Gran Bretagna 2. 2010.


Galles del Nord
Scozia
Findhorn
Le isole Orcadi
Iona
Londra
Händel e Hendrix


Galles del Nord
Da solo adesso, per un paio di settimane, lascio Galles del sud e mi dirigo verso il nord  del Galles dove mi trovo a parlare alle Società Teosofiche di Bangor e Chester; questi sono stati gli unici discorsi che ho avuto la possibilità di organizzare in questo viaggio e francamente, ho voluto una pausa comunque, visto gli ultimi cinque anni di tour costante e parlare è stato faticoso. Ho incontrato Dana, di Bangor , che mi ha portato in diversi luoghi di interesse megalitico, e ci siamo fermati in un ristorante per il pranzo. Stavo controllando il menu e ho chiesto, ‘che cosa è questo ?”insalata white lodge( loggia bianca)’ hanno risposto dicendo: ‘questo è il ristorante White Lodge’ (Loggia Bianca)

‘Oh’, dico, ‘questo è strano, che piacere essere stato portato per pranzo alla Loggia Bianca !’ – La mia guida Dana non aveva familiarità con il termine e la sua relazione con in i Maestri di Saggezza. ‘Beh, ho risposto alla cameriera, ‘prenderò un sacco di quella insalata e forse potreste darmi un po’ di abbigliamento di Shamballa, mentre siete lì ?

image002

Tutta la Gran Bretagna è disseminata di antichi resti , tra i più recenti quelli Romani, naturalmente, ma le civiltà che si sono avvicendati sono durate molti millenni. Intorno praticamente ad ogni angolo della Gran Bretagna, si vedono un’antica chiesa, un castello, un dolmen, un cerchio di pietre ecc., qualcosa che quelli di noi che vivono in Australia o negli Stati Uniti non siamo abituati a vedere in modo così prolifico; dà un profondo senso di storia e tradizione.

Bangor non fa eccezione e agisce come un ingresso all’ antica Angelesy, ground zero per i Druidi, per l’antica magia celtica ed il commercio. Angelesy è in realtà una grande isola al largo della costa nord-occidentale del Galles, che non è evidente finché non l’avrete trovata sulla mappa, e che è completamente separata dalla terraferma da un canale di acqua salata molto stretto.

Ho trascorso una settimana di campeggio ad Anglesey, controllando i vari dolmen ed i cerchi e assorbendo tutto il tempo lunatico del Galles. Le rocce sui monumenti antichi sono molto vecchie e molto pesanti! Come sono stati messi su è ancora un mistero. Una particolare pietra piatta nella foto qui sotto, dovrebbe pesare circa quaranta tonnellate! Tuttavia il loro scopo era principalmente cerimoniale e/ o la sepoltura.

image003

Ho avuto il piacere di incontrare la gente del posto a Bangor presso la loro Società Teosofica e ho tenuto una conferenza sulla  La storia nascosta dell’Umanità. Più tardi nel corso della settimana ho fatto lo stesso al Chester TS, appena oltre il confine con il Galles. Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare le persone associate a queste logge per la loro gentile ospitalità. E ‘stata anche una gioia vedere alcune delle nuove generazioni di ricercatori che stanno mantenendo vitale la saggezza senza età. Saluti a Jon, Jennie e Teresa!

Findhorn

Dal Galles mi sono diretto verso l’alto,  a nord della Scozia per fa visita ad amici e stare nei pressi di Findhorn per una settimana o due. La Comunità di Findhorn è stata fondata nel 1960 da Eileen e Peter Caddy e Dorothy Maclean. E’ passata attraverso varie fasi di crescita ed è ancora un gruppo internazionale fiorente basato su principi spirituali e eco-sostenibilità; si estende intorno a Findhorn e nei i villaggi locali come Forres.

image004

L’impulso per la Comunità di Findhorn sicuramente emanava da fonti di ispirazione più elevate. Esperimenti straordinari e le comunicazioni con i deva o il regno angelico hanno  avuto luogo in quei primi giorni – per dimostrare come l’umanità potrebbe cooperare con loro. Dorothy Maclean (ora 90enne) , colei che ha ricevuto tante trasmissioni angeliche, è recentemente tornata per vivere il resto dei suoi giorni qui.

Se si va nella poco utilizzata biblioteca nei pressi della Sala Grande, c’è una sala di meditazione adiacente, che era sempre vuota quando l’ho visitata. Appeso al muro c’è un ritratto del Conte St Germain, conosciuto ora come Mahachohan o Signore della Civiltà. Sul caminetto c’è un altro ritratto di St Germain dal libro di Manly P. Hall, The Secret Teachings of All Ages. Quindi qui non c’è alcuna ambiguità circa le forze di ispirazione che si trovano dietro Findhorn!

image005

Ritratto a Findhorn del conte St Germain

Mentre stavo uscendo dalla Sala Universale della Comunità di Findhorn, un giorno, ho incontrato un uomo che mi ha chiesto di fare un articolo per una pubblicazione imminente su Francis Bacon (detto essere una precedente incarnazione di Conte Saint-Germain). Restammo lì a parlare per circa quindici minuti, quando la nostra attenzione contemporaneamente venne attratta da una piccola targa sulla parete vicino i nostri piedi. Fu dedicata a Francis Bacon e raffigurava su di essa, uno dei suoi codici esoterici !

Ci sono gruppi che fanno un ottimo lavoro qui, in tutte le tradizioni e discipline. A questo proposito, Findhorn è un seme per il nuovo ciclo dell’Acquario ed ha ispirato e generato molti altri gruppi in tutto il mondo. Lo spazio non mi permette di fare vera giustizia a Findhorn e la sua storia, anche se naturalmente vi è abbondanza di informazioni su internet in proposito.

Come il Galles, la Scozia condivide la discendenza celtica ed è un luogo molto mistico. Ci sono molti gallesi e scozzesi che hanno la ‘seconda vista’ (psichismo, la chiaroveggenza, ecc.). Ho incontrato un personaggio che aveva una ricca esperienza nel fenomeno UFO e mi ha intrattenuto con storie per ore – finché mi girava la testa così tanto, che ho dovuto supplicare per la mia partenza!

Il Macbeth di Shakespeare, (scritto si dice, da Francis Bacon), è una storia che contiene alcune scene ignobili relative a streghe e ad alcune vecchie pratiche magiche della Scozia. “Doppia, doppia fatica e difficoltà; il Fuoco brucia e il calderone ribolle! “Il Castello di Macbeth è nelle vicinanze di Forres ed è una visita molto piacevole, semplicemente per vedere come hanno vissuto in quei giorni. (Non ho visto nessun fantasma di Macbeth!

image006

i Cieli Findhorn Beach

I miei migliori auguri ai miei amici a Findhorn – Marion, Iona, Heather, Sven, Betsy, David e i due Daves!

Agosto: Orcadi, in Scozia.
Mi dirigo verso nord della Scozia per prendere un traghetto per le Orcadi. Ero stato avvertito di non lasciare che il livello del carburante andare troppo in basso sul camper, una volta che si è accesa la luce della riserva . Guidavo su alcune strette strade costiere, un sacco di colline ripide  e sto invocando la mia fortuna per non fermarmi per il carburante, sono stato davvero parecchio in pensiero.

Beh, è successo, un po’, ma non sulle ripide colline e mi sono trovato improvvisamente senza qualsiasi potere accelerando su una collina, in una strada stretta, con un sacco di traffico dietro di me! Beh, la serendipità mi sorrideva, appena passata una curva, vedo un raro tratto di strada per accostare. Sono riuscito a tagliare proprio di fronte al traffico in arrivo e ad accostare per fermarmi in sicurezza.

image007

Brodgar Circle, Stenness

Non oso pensare a cosa sarebbe successo se quel posto non fosse stato lì avrei creato una situazione molto pericolosa per me sulla strada. Avevo un contenitore idoneo di gasolio e stavo per capire come avrei dovuto far ripartire il motore con un po’ di carburante, quando uno scozzese che cammina il suo cane è apparso dal nulla. Era un ex camionista e ha trovato il modo immediatamente di far ripartire il motore di nuovo in pochissimo tempo. Mentre lo sto ringraziando, mi chiede se so dove il termine Aussie ‘sheila’ (ragazza) proviene. Dice che proviene da quando gli inglesi trasportavano in nave i detenuti in Australia. I prigionieri erano conosciuti come “lags”( deportati)  e le donne prigioniere “she-lags” (deportate), da qui Sheila. Bene, dopo quel po’ di fortuna e un frivolo passatempo, torno alla mia attività!

Il viaggio in traghetto con l’auto  per le Orcadi è molto costoso, ma un bel viaggio panoramico. Dopo lo sbarco mi dirigo verso i menhir, arrivo alle 20:00, con ancora abbastanza luce nel bel mezzo dell’estate inglese.

L’attrazione principale qui è senza dubbio l’Anello di Brodgar, sull’isola di Stenness. Secondo gli archeologi, è “il più bell’anello di pietra noto, veramente circolare, del tardo Neolitico o prima età del Bronzo ed una espressione più tarda dello spirito che ha dato origine a Maeshowe, Stenness e Skara Brae.”

image009

Il racconto di una giornata di questa vita
Per rispondere alle domande dei lettori, potrei dire che per tutto il tempo proseguo nelle mie indagini, ma devo fare il mio altro lavoro quotidiano per guadagnare un reddito. Il progetto l’Odissea delle Origini è, a parte alcune modeste donazioni, interamente autofinanziato. Sono stato autosufficiente e indipendente, in questo lavoro negli ultimi dieci anni; questo filosofo deve anche essere un uomo d’affari,  a volte un difficile equilibrio!

La giornata tipo potrebbe comportare diverse ore sul portatile in camper, grazie alla mia connessione a banda larga mobile. C’è la corrispondenza  con gli studenti  da sbrigare, le consultazioni per l’oroscopo, la scrittura delle newsletter mensili, materiale da caricare sui miei siti web, i forum di mediazione, e così via. A volte mi lamento di essermi  ‘incatenato come Prometeo, al mio portatile come parte del mio dharma nel diffondere la saggezza senza tempo – e la sua applicazione pratica.

Alle Orcadi è stato difficile mantenere il flusso di lavoro a causa della cattiva copertura a banda larga, così dalle 7:00, ogni mattina mi ha visto all’interno di uno dei gloriosi vecchi hotel di Stromness – che generosamente mi hanno permesso di usare il loro wireless.

image008

La vita on the road ha le sue sfide e le sue sollecitazioni. E’ fisicamente estenuante perché si guida per distanze molto lunghe. Molto spesso si spenderà il 99% del tempo e delle energie per arrivare da qualche parte e l’1% di tempo ed energia per i luoghi. Viaggiare e dormire in luoghi sconosciuti può essere molto inquietante, soprattutto se sei un tipo con un forte settimo raggio ed un debole per il ritmo e l’ordine!

Questo può anche turbare la pratica regolare della meditazione, che deve essere conservata a tutti i costi come parte del proprio lavoro di servizio. Una notte di buon sonno può anche essere una vittima frequente in questo stile di vita – in particolare, per usare la metafora di Prometeo, se si dispone di un aquila che viene a beccare il vostro fegato ogni notte!  ma la guarigione è un orizzonte che non è sempre più vicino.

Ci sono momenti di gloria, però, come ritrovarsi in un bellissimo e desolato paesaggio, appena il bagliore dorato del tardo pomeriggio fa saltar fuori le caratteristiche rustiche delle antiche pietre; in comunione con lo spirito del luogo e del passato. Oppure, spontaneamente ci si inciampa su quel luogo spazioso all’interno, dove il rombo dell’universo e la sua sublime bellezza ti assorda da qualsiasi altra distrazione esterna; questi sono i preziosi Sattvas che si ottengono e si conservano.

image010

Edzell Castle

image013

Castello di Edzell, in Scozia
Ho deciso che mi sono ‘attardato’ abbastanza a lungo in queste ‘valli’ e di tornate sulla terraferma. Raccolgo Renata a Glasgow, di ritorno dall’Europa – e ci dirigiamo col camper verso Edzell, vicino ad Aberdeen. Il Castello di Edzell è la casa dei miei antenati, il clan Lindsay.

E ‘ormai il rudere di un castello 16° secolo, ma io ne parlo perché è unico di tutta la Scozia, se non in Gran Bretagna, per la sua associazione con soggetti esoterici. Intorno al giardino recintato che è stato progettato da Sir David Lindsay, ci sono raffigurazioni dei pianeti così come delle sette arti liberali: Grammatica, Logica, Retorica, Aritmetica, Astronomia, Musica e Geometria.

 

 

image014image015

Rosslyn Chapel
Trascorriamo un giorno di visita alla Cappella di Rosslyn, appena a sud di Edimburgo, il leggendario luogo di mistero, magia, misticismo e ordini segreti. Il posto è attualmente in fase di estesa ristrutturazione  – l’incubo di un restauratore con ogni sorta di problemi, molti dei quali l’umidità. La cappella stessa è come una scultura scolpita, così intricata e fine, con molti simboli esoterici.

 

C’erano orde di persone che visitavano la cappella quel giorno, era pieno. Ci hanno detto che nel seminterrato/cripta è il luogo dove ci sono le ‘energie reali’ e la nostra esperienza  ce l’ha confermato.

La Scozia ha alcuni luoghi stupendi, come il fiume sottostante in cui ci siamo imbattuti. Le acque rosse senza dubbio derivano dalle felci.

 

[excerpt from old Scottish song, not my cup of
tea as far as poetry goes, but it gives the gist …]

But our sturdy Scottish rivers, they come tumbling from the bens
Like a crowd of happy children, to make music in the glens.
The mountain mist surrounds them and moorlands heather flanks
and the bending of the birches is a beauty on their banks.

They breast the barring boulders in their eagerness to be
The one before the other in the bosom of the sea.
They clutch the red-scaured edges and they trample down the clay
And the thunder of their footsteps is a shout to clear the way.

[estratto da una vecchia canzone Scozzese]

Ma i nostri robusti fiumi Scozzesi, vengono cadendo dalle vette
Come una folla di bambini felici, a far musica nelle valli.
La nebbia di montagna li circonda e le brughiere li affiancano di erica
e la betulle piegate sono una bellezza sulle loro rive.

Essi stringono i blocchi di massi nella loro impazienza di essere
L’uno davanti all’altro nel grembo del mare.
Essi si avvinghiano ai bordi rossi e squadrati e trascinano giù l’argilla
E il tuono dei loro passi è un grido che spiana la strada.

Iona
E così ci dirigiamo verso l’isola di Iona, appena al largo della costa di Mull, sulla costa occidentale della Scozia. Una buona corsa e qualche bella visuale verso il basso a Loch Ness ci vede appena prendiamo l’ultimo traghetto della giornata per Iona.  La nostra ospite Elinore ci ha accolto nel suo Highland Cottage mentre lei è all’estero. Ogni edificio sull’isola è designato come parte della Scottish National Trust.

image018

Con il suo paesaggio mozzafiato di spiagge di sabbia bianca e spettacolari variazioni di luce, Iona è uno dei luoghi più sacri in Gran Bretagna. E ‘stato qui in nel 563 DC che San Colombano ei suoi seguaci sono arrivati ​​dall’Irlanda per diffondere il Vangelo in tutta la Scozia e nel nord dell’Inghilterra. Iona è ancora un centro di pellegrinaggio cristiano, e la sua atmosfera di spiritualità e senso di serenità continua a ispirare i visitatori e coloro che ancora vivono e lavorano sull’isola.

Sembra che ci sia una libertà unica che permea l’etere di Iona. Si tratta di una libertà di pensiero, puro da qualsiasi altra forma pensiero. Questa influenza molto probabilmente è  emersa dall’ atmosfera permeata da secoli di devozione e meditazione di monaci e monache sull’isola. E forse da prima 564 dC. Ci sono parecchi Cristiani che visitano l’isola – i nati qui, i Pentecostali ecc. E gli Australiani sono ovunque, lavorando in ogni luogo immaginabile che ci sia per lavorare sull’isola! (gli Australiani lo fanno molto, ma i Neozelandesi viaggiano di solito più di così.)

image019

St Columba’s Bay

Iona è un ottimo posto per fare ritiri di meditazione, scrivere libri, per la contemplazione in generale. Nonostante il grande afflusso di turisti ogni giorno (in estate almeno), si può ancora trovare un posto tranquillo. Non c’è nessun rumore qui che diamo per scontato sulla terraferma, come ad esempio il traffico, le macchine e l’industria. C’è il quale occasionale jet della RAF che urla in testa di tanto in tanto, ma è l’unica cosa che disturba la sua tranquillità.

 

La cella dell’ Eremita
Il luogo più profondo che abbiamo visitato sull’isola è stato la Cella dell’ Eremita, uhermitscell4n luogo dove uno dei monaci dell’abbazia andò  a vivere e meditare. Il sito è molto più antico, però, con le rovine di antiche comunità tutt’attorno. Scrittori e viaggiatori hanno commentato il suo potere per secoli, uno riporta una visione di Pan e un’ altro di aver visto i fantasmi dei Vichinghi che emergono dal terreno.

Siamo partiti con indicazioni vaghe di bel tempo, che ben presto si è trasformato in guidare con vento e pioggia. Dopo esserci persi più volte e proprio appena il sole è uscito di nuovo, lo abbiamo trovato!

C’è una vista mozzafiato dalla Cella dell’ Eremita, del mare e della costa. Mi sono arrampicato su una delle colline rocciose nelle vicinanze per avere una visuale migliore, e per essere accolto da un corvo nero di guardia in cima. Dopo aver trascorso un po’ di tempo qui, abbiamo preso una ‘scorciatoia’ per una spiaggia che si poteva vedere in lontananza. Dopo un’ora o circa a saltare attraverso recinti paludosi e acqua, si arriva a una spiaggia bianca deserta e incontaminata con acque turchesi, che sembra una foto promozione di qualche posto nei Caraibi. Sapevamo che l’acqua sarebbe stata molto fredda, ma abbiamo balzellato dentro in ogni modo (13C!)  più volte, per poi scaldarci al sole sulla sabbia bianca dopo. Questo è stato uno dei giorni più belli della nostra visita.

Sebbene  Iona Abbey sia stupefacente, ho trovato le rovine delle Monache Agostiniane energeticamente molto attraenti. Qualunque cosa hanno fatto lì, hanno fatto qualcosa di giusto! Dopo una settimana di esplorazione, i nostri programmi hanno iniziato a premere – Renata deve tornare in Costa Rica e io a Londra.

Londra
Tramite un amico di un amico, ho finito per stare a Barnet,  nord di Londra, un luogo affascinante con molta storia, alcune di queste sono parecchio esoteriche, non ne conoscevo nessuna prima di arrivare. In modo più specifico, è il ‘triangolo di Barnet’, sorto su antichi luoghi sacri in cui sono costruite due chiese dedicate a Santa Maria e il Fossato di Camlet (Camelot). Fanno parte di linee energetiche più grandi che attraversano Londra. Viene così descritto:

“Appare solo un luogo in realtà chiamato Camelot sulle vecchie mappe. Finora è stato trascurato da chi è alla ricerca di questo luogo leggendario. È nascosto in un bosco alla periferia di Londra. Scavi archeologici mostrano che aveva un ponte levatoio massiccio su un fossato, mura di cinque piedi e mezzo di spessore e una cella sotterranea. Ci sono anche state apparizioni di una “Dama Bianca” simile a Ginevra ed il sito è considerato a livello locale come un luogo di visioni, di guarigione e di ispirazione, con alcuni collegamenti molto precisi ed intriganti ai Miti del Graal e leggende di Re Artù”. [1]

Da Hendel a Hendrix

image023

Di recente  a Londra c’era stata una mostra di un paio di settimane dedicate alla memoria di Jimi Hendrix, morto 40 anni fa. Al culmine della sua carriera, Hendrix ha acquistato un appartamento a Londra che ha detto fosse la sua prima vera casa. E così è accaduto che l’appartamento era accanto all’appartamento dove viveva Handel  quando era in Inghilterra. Hendrix apparentemente aveva un grande rispetto per il compositore classico ed è interessante che entrambi abbiano avuto maggior fama e fortuna lontano dal loro paese di origine.

Ne ho parlato con un mio amico che è un aficionado di Hendrix e che ha avuto la fortuna di vederlo al leggendario concerto di Pali Gap nelle Hawaii. Per coincidenza, sta scrivendo un romanzo che coinvolge Mozart e Händel che viaggiano nel tempo, in un collegamento nel  futuro con Eric Clapton e Jimi Hendrix !

Hendrix aveva molti riferimenti esoterici nella sua opera (come molti artisti del tempo), come ‘guarda dalla mia finestra sull’ombelico’ (plesso solare), il ponte dell’arcobaleno (antahkarana), ecc.  Il suo ultimo album uscito postumo si chiama “Valleys of Neptune” (Valli di Nettuno), che praticamente ben riassume, sia il punto di vista mistico che anche il regno astrale di Nettuno di droghe e alcool..

image022

Hendrix aveva il Sole in Sagittario e all’Ascendente, ma Nettuno era il pianeta ‘più elevato’ nel suo oroscopo, nella nona casa di un più grande pensiero metafisico e dell’arte. Nettuno era anche sestile alla sua super sensibile Luna Cancro, governatrice esoterica del Cancro – e in congiunzione al governatore del Sagittario, Giove in Cancro, quindi un mix molto ampio e ricco!

Questa sensibilità ha permesso Hendrix di essere un ‘canale’ ed il suo modo molto originale ed innovativo di suonare la chitarra lo riflette. Basta ascoltare la traccia strumentale rara e poco conosciuta chiamata ‘Pali Gap’ (suonata al concerto con lo stesso nome), per avere un assaggio di alcuni dei reami che poteva toccare. (Ecco una buona versione cover che si avvicina a quella originale.)

Anche Handel era piuttosto Nettuniano,  avendo Sole, la Luna e Nettuno – nei Pesci, governati da Nettuno. Nettuno è naturalmente, il dio delle acque cosmiche quindi non è un caso che uno dei pezzi di Handel sia chiamato ‘Water Music’ (la richiesta di re Giorgio I per la musica sul Tamigi.)

E ‘interessante notare che Handel e Bach si fecero avanti sulle ali del ciclo di settimo raggio riformatore del 1675 e, allo stesso modo Hendrix (nato nel 1942), con il ciclo di settimo raggio che è iniziato nel 1945 e stava guadagnando il passo.1

image024

Hendrix a Woodstock mentre indica il cielo in puro stile del Sagittario e culla il suo ‘arco’ Sagittario ‘arco’ (la sua Fender Stratocaster), sotto al braccio. 

Phillip Lindsay © 2010.

 




Donations in $ US $.
($$$ – Check exchange rates – $$$)


L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#3 – Costa Rica, Grecia 2010


L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#1 – Gran Bretagna 1. 2010
L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#2 -Gran Bretagna 2. 2010

L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#3 – Costa Rica, Grecia 2010
L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#4 – Grecia & Creta 1. 2011
L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#5 – Grecia & Creta 2. 2011
L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#6 – Grecia & Creta 3. 2012

  1. diario di viaggio tradotto da Simonetta Martini []
Posted in Italiano, Travel Blog | Leave a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *