L’Odissea delle Origini: Diario di viaggio #1: Gran Bretagna 1. 2010.


Glastonbury
Cerchi nel grano ( Crop Circles )
Cornovaglia
Galles


chalicewell

Chalice Well

21 giugno 2010 Gran Bretagna – solstizio d’estate. Avevamo sperato di essere a Stonehenge, ma non abbiamo realizzato  il pensiero di migliaia di persone stipate sul sito, per non parlare dell’incubo per il parcheggio e il rumore! Così la migliore alternativa è stata a Chalice Well, Glastonbury, per partecipare ad una meditazione con un paio di centinaia di persone, proprio nel momento in cui il Sole è entrato Cancro. (Vedi Newsletter )

Il pomeriggio ha visto dirigerci verso North Devon a prendere il camper che un deposito ha  ospitato un paio di giorni prima. Una sosta al supermercato sulla strada, stavo esprimendo dubbi dell’ultimo minuto riguardo all’andamento di tutte le risorse nel progetto. Uscendo dal parcheggio in una profonda conversazione su questo argomento e distratto da un ambiente non familiare – ho dimenticato di mettere il mio biglietto nella macchinetta per permetterci di uscire, e ho guidato dritto verso la barriera !

Per fortuna che era solo plastica! Si è alzata mentre sono tornato alla macchinetta del biglietto a piedi, rosso in viso, sotto le occhiatacce di disapprovazione dei clienti. Renata non ha detto nulla, ma il suo viso diceva tutto, qualcosa come, ‘maledetto idiota’! Ho scherzato un po’ debolmente dicendo che questo era tutto simbolico per me, rompere le mie barriere con Saturno in transito sulla mia Luna e Urano in transito in opposizione. Stavo andando con Urano! Arriviamo a destinazione e finalizzati i documenti, tutto è trascorso molto bene e per il camper ho avuto proprio un giusto prezzo – torniamo alla base.

image002

22 Giugno 2010 Visitiamo alcuni nuovi cerchi nel grano (See Newsletter), scattiamo un sacco di foto e video. Siamo fortunati ad averne trovati alcuni veramente freschi, ancora in buone condizioni e non troppo calpestati dai visitatori.

24 giugno 2010. Renata parte per l’Europa per due settimane per partecipare a questioni di famiglia e al matrimonio del il figlio. Lascio la nostra casa base nella tenuta agricola nel Dorset e mi metto in strada.

Più tardi  stavo dando un’occhiata in una delle grandi librerie esoteriche di Glastonbury e chi va a ritirare alcuni libri sulla magia occidentale ?.. ma Nicholas Cage. (Lui ha un posto a Bath a quanto pare.) Mi girai e dissi, santo cielo, Nick, proprio quello che stavi pensando in quel film che hai fatto di recente su un poliziotto a New Orleans? Non siamo riusciti a capire se si trattasse di una commedia o solo di una scemenza, tanto che abbiamo optato per la seconda opzione e lo abbiamo votato come uno dei peggiori film! (In realtà, ci ho pensato, ho scelto di rispettare il suo spazio!) Ha continuato  con  film intitolato l’Apprendista Stregone e così il suo appetito dev’esser stato stuzzicato un po’ di più.

25 Giugno 2010  Primo giorno sulla strada e da solo, pensando alle mille ragioni per cui in questo viaggio non ha funzionato bene utilizzando il camper! Un po’ di dubbio insinuato    da Saturno forse. Questa è l’ultima battuta del mio transito di Saturno in congiunzione alla mia Luna per diversi mesi – e non è sempre un piacevole transito!  Ti mette davvero di fronte tutto quello che riguarda il Guardiano (Sì io ne ho uno!) – e non è una cosa lusinghiera da osservare!  Tutti i vostri modelli cristallizzati – solitamente riflessi di nuovo a voi dai vostri più vicini e cari collaboratori e dalla la famiglia! La Luna è anche la dimora e il passato, quindi il camper probabilmente rievoca i miei giorni da nomade, con tenda e capre nel deserto.

DSC_0006

Tintagel

Saturno/Luna portano anche dubbi e paure, può essere isolamento emotivo e la salute fisica come i denti (Saturno) che devono essere curati. Ho avuto problemi a un dente davanti e iniziare una nuova cura con dei perni che si avvitano. Il mio dentista in Costa Rica è il mio agente karmico che mi fa male  al palato, ma è il portafoglio dove punge davvero!  No, non proprio, la Costa Rica è una ‘destinazione dentale’ che è molto più conveniente che in Australia o negli Stati Uniti. (Ciao John! La sua squadra fa un buon lavoro.)

Fine giugno 2010  Così, mi dirigo da solo a Tintagel, la parte mistica dell’antica Cornovaglia, dove le leggende abbondano di giganti, re e pirati. (Aarrgghh miei prodi !)  Il tempo è stato sensazionale per le prime quattro settimane in Gran Bretagna, così caldo che ho dovuto stare attento per le scottature! Cielo sereno e mare calmo vicino alla Cornovaglia, e ho anche fatto una nuotata, anche fosse ancora molto fredda 13 gradi C.

Arrivando dall’Australia, c’è stato un po’ da ridere a vedere la scena dei surf sulla costa sud-ovest inglese. Centinaia di persone che guidano in giro sui  loro  Kombis di tendenza, ristrutturati o in acqua su tavole da surf costose – e le onde alte ben sei pollici! Ebbene io sono sicuro che il piatto Mare d’Irlanda porterà onde decenti di tanto in tanto.

La costa della Cornovaglia, infatti, tutta la costa occidentale della Gran Bretagna, è di una bellezza aspra e molto, molto antica. Alcune delle rocce più antiche del mondo sono qui, ed è una grande curiosità per molti studenti di geologia. Di qui il fatto che questa terra era una volta una parte di Lemuria. Come la terra della Gran Bretagna è ‘emersa e inabissata per quattro volte‘ (HPB), non solo è stata partecipe dell’evoluzione della Lemuria, ma anche di Atlantide, di cui sono testimoni la maggior parte dei suoi monumenti e reliquie attuali.

La parte più antica e originale della Lemuria è iniziata come un prolungamento di terra che via via strisciò giù dal polo nord nell’Oceano Atlantico. Su quel pezzo di terra i primi gruppi di esseri umani ‘individualizzati’ si unirono. Alla fine il terreno scese verso il basso, attraverso tutto l’Atlantico, intorno a quello che oggi chiamiamo Sudafrica e fino a sud dell’India in una forma a ferro di cavallo. Naturalmente la maggior parte della Lemuria attraversò da qualche parte vicino al Madagascar, verso ovest verso l’Isola di Pasqua, le Hawaii e le Americhe ad est. Tuttavia, la prima parte di Atlantide si è formata solo più in alto  e vicino a dove si è formata la prima parte della Lemuria – nell’Atlantico dalla Gran Bretagna verso ovest.

Tintagel è ben nota per l’associazione con Merlino e Re Artù – la Grotta di Merlino si trova sotto una delle scogliere vacillanti sulla costa. Qui sono stati girati film e sono arrivati un sacco di pirati senza dubbio! Molti scrittori e creativi sono stati attratti dalla zona per secoli. “Il posto è preminentemente la regione del sogno e del mistero” ha scritto il grande romanziere e poeta vittoriano Thomas Hardy nel 1870, descrivendo la sua prima esperienza di Cornovaglia. La magia che permea il paesaggio è legato nel senso più immediato alla razza Celtica, ancor più anticamente agli Atlantidei. La terra che oggi si chiama la Gran Bretagna era adiacente e parte della vecchia Atlantide, così come lo era l’Irlanda.

La razza celtica ha un rapporto unico con Atlantide, perché  essa è la quarta sottorazza della Quinta Razza-radice (5.4) e attraverso il simbolismo del ‘quattro’ , si collega alla Quarta Razza-radice Atlantidea. I capelli rossi del popolo celtico sono anche un retaggio della famiglia di Atlantide. Mi ha colpito la quantità più alta del solito di capelli rossi che abbia mai visto, il punto più a nord dove sono andato in Gran Bretagna. La Genesi, capitolo 25  riferisce che ci sono ‘due Paesi nel grembo di Rebecca. Esaù nasce ‘rosso e irsuto’ e rappresenta la razza che si frappone tra la quarta e la quinta – l’Atlantidea e l’ Ariana.

Tanto della magia, dei rituali, dell’astrologia e dell’astronomia dei Celti proviene dalle antiche tradizioni Atlantidee. E come gli Atlantidei, sono molto bellicosi , collegandosi di nuovo al quattro, il quarto raggio di armonia tramite conflitto.

Le leggende sui giganti abbondano in questa regione. C’è una storia su un gigante (L’ira di Portreath), che viveva in una grande caverna vicina e spesso guadava il mare per devastare le navi di passaggio del loro carico vivente, facendo grandi passi indietro attraverso l’oceano con un paio di mucche appese alla cintura e rimpinzandosi con marinai vivi!

campervan

Il fedele vecchio camper Hymer, vintage 1990…

Beh, questo è un gigante abbastanza grande e forse il racconto è ancora più grande, ma ci sono molte altre storie più credibili di giganti nella regione. (Eravamo tutti  giganti nelle incarnazioni precedenti, in quelle precedenti civiltà di Lemuria e di Atlantide – difficile da  immaginare a volte, con tutti gli strati di condizionamento culturale che accumuliamo). I giganti raggiunsero la loro apoteosi nel periodo di Atlantide, in termini di pura forza fisica pura e bellezza (secondo HPB), così come ebbero una profonda conoscenza della magia, della stregoneria e dell’astrologia.

Molti di loro hanno usato questo potere egoisticamente  e di conseguenza furono distrutti, ma la loro eredità è dappertutto nelle isole britanniche. In effetti, il Gigante di Tregoney era uno scheletro enorme trovato in una urna che misurava 11 ‘3 ” pollici . All’apertura della bara, lo scheletro era sbriciolato in polvere, ma è stato trovato un dente di 2.5  pollici”!


Una canzone da “Paint Your Wagon”, ‘cantata’ da Lee Marvin,

I was born under a wandrin’ star
I was born under a wandrin’ star
I was born under a wandrin’ star
Wheels are made for rolling, mules are made to pack
I’ve never seen a sight that didn’t look better looking back
I was born under a wandrin’ star

Life can make you prisoner and the plains can bake you dry
Snow can burn your eyes, but only people make you cry
Home is made for coming from, for dreams of going to
Which with any luck will never come true
I was born under a wandrin’ star
I was born under a wandrin’ star

Do I know where hell is, hell is in hello
Heaven is goodbye forever, its time for me to go
I was born under a wandrin’ star
A wandrin’ wandrin’ star

(Life can make you prisoner and the plains can bake you dry)
(Snow can burn your eyes, but only people make you cry)
(Home is made for coming from, for dreams of going to)
(Which with any luck will never come true)
(I was born under a wandrin’ star)
(I was born under a wandrin’ star)

When I get to heaven, tie me to a tree
For I’ll begin to roam and soon you’ll know where I will be
I was born under a wandrin’ star
A wandrin’ wandrin’ star…

Sono nato sotto una stella vagabonda
Sono nato sotto una stella vagabonda
Sono nato sotto una stella vagabonda
Le ruote sono fatte per girare, i muli sono fatti per la soma
Non ho mai visto uno spettacolo che non sembrava più bello visto a posteriori
Sono nato sotto una stella vagabonda

La vita può farti prigioniero e le pianure possono prosciugarti
La neve può bruciare gli occhi, ma solo le persone farti piangere
La casa è il punto di partenza, per i sogni devi andare via da lì
Che senza un po’di fortuna non potranno mai diventare realtà
Sono nato sotto una stella vagabonda
Sono nato sotto una stella vagabonda

Posso sapere dov’è l’inferno, l’inferno è in un ciao
Il cielo è un addio per sempre, è tempo per me di andare
Sono nato sotto una stella vagabonda
Una vagabonda stella, vagabonda

(La vita può farti prigioniero e le pianure possono prosciugarti)
(La neve può bruciare gli occhi, ma solo le persone farti piangere)
(La casa è il punto di partenza, per i sogni devi andare via da lì)
(Che senza un po’di fortuna non potranno mai diventare realtà)
(Sono nato sotto una stella vagabonda)
(Sono nato sotto una stella vagabonda)

Quando arriverò al cielo, legatemi a un albero
Perché io inizierò a vagare e presto saprete dove sarò
Sono nato sotto a una stella vagabonda
Sono nato sotto a una vagabonda, vagabonda stella


Un’altra storia di un gigante si trova nel Cumberland, Inghilterra nel medioevo. “Il suddetto gigante è stato sepolto quattro iarde in profondità nel terreno, che ora è un campo di mais  Era quattro iarde e mezzo di lunghezza ed era in completa armatura. La spada e l’ascia da guerra sdraiate vicino lui … i suoi denti erano sei pollici di lunghezza e due pollici di grandezza … ”

E’ stato detto che persino Re Artù, che si dice sia stato sepolto a Glastonbury, fosse alto nove piedi, sulla base delle ossa che sono stati dissotterrate là nel XI secolo e perse da allora. Queste sono solo alcune delle centinaia di riferimenti luoghi che possono essere trovati disseminati nella storia britannica. Anche in questi ultimi 100 anni in Gran Bretagna ci sono molti esseri umani giganteschi ben documentati (maschile e femminile) che sono state registrati tra i 7’2 “e 8’4”, senza dubbio tutti retaggi del passato.

Ci sono centinaia di storie di giganti come questo provenienti da tutto il mondo in tutte le tradizioni, sia che si tratti di nativi nord o sud americani  Indiani, di mitologia scandinava o di tradizione asiatica.

Come ho spesso ho menzionato nelle mie newsletters, l’Umanità ha ridotto la sua taglia, da enormi giganti dei tempi di Atlantide e Lemuria volte (30 ‘+), operazione che richiede milioni di anni per essere attuata, naturalmente, un qualcosa che la scienza moderna in genere non concepisce per gli esseri umani, ma lo fa per rettili e animali.

Ci sono molti argomenti sul fatto che Artù e Merlino siano davvero vissuti , è molto probabile che sia così,  anche se il lasso di tempo potrebbe essere molto più lungo del  periodo attorno al 500 dC. Le storie potrebbero risalire a decine di migliaia di anni fa. Entrambi i personaggi sono gli archetipi del primo raggio di Volontà-Potere (Re Artù) e del settimo raggio di Ordine Cerimoniale e Magia (Merlino). Essi hanno anche strette corrispondenze, e potrebbero persino essere stati rispettivamente, precedenti incarnazioni dei Maestri Morya e Rakozci.


Vita one the road
Durante la stagione della pausa estiva delle vacanze in Gran Bretagna ci sono una circa una sessantina di milioni di persone che sciamano attorno ad un paese grande come New South Wales in Australia! Caravan, camper, autostrade e parcheggi per camper strapieni sono all’ordine del giorno. Almeno la temperatura è relativamente calda, però, non vorrei fare questo viaggio in inverno. Relativamente è la parola della Gran Bretagna, dove la pioggia sembra avere il sopravvento, soprattutto in Galles e Scozia. Attualmente è agosto e ho diversi strati di vestiario addosso.

Io ho familiarità con questo tipo di vita, avendo posseduto diversi camper in Australia e Nuova Zelanda nel corso degli anni, ma può essere uno stile di vita arduo comunque. La gente dice che dev’essere meraviglioso fare questo genere di cose, e certamente ci sono questi momenti, ma può anche essere molto stressante. L’ideale non è sempre così reale! C’è sempre a che fare col traffico, sentieri di campagna stretti e una grande camper, ma la cosa più difficile è sempre trovare un posto per dormire. In ogni caso, i lettori di questi diari possono fare esperienza indiretta dalla comodità della propria casa!

I Camper nel Regno Unito costano circa £ 20 in media, a notte in alta stagione, che può arrivare fino a un bel po’ a settimana – circa US $ 240 in cima le spese per il carburante e per vivere, che delusione decidere di avere un camper! Non si può semplicemente trovare un bel post con una bella vista e accamparsi per la notte su una spiaggia magica gratuitamente, anche se in alcuni posti si può – a maggior ragione man mano che si procede verso nord, fuori dall’Inghilterra. La Polizia e Rangers vi faranno spostare, come un recente incontro che ho avuto con un agente in Scozia, che era l’immagine sputata di ‘Smiffy’ , il Bill TV Show.

Image result for roadside camping with fire view

In pratica sono passati i bei vecchi tempi quando era possibile accamparsi ovunque vicino a un bel fiume, accendere il fuoco e preparare la cena – senza un permesso e pagare per il privilegio condividendolo con poche centinaia di altri! Questo sembra essere una situazione universale ora, anche se è più facile in alcune parti d’Europa. Uno stile di vita nomade vi vedrà spostarvi come gli zingari hanno sempre fatto, storicamente. Questo è un po’ un paradosso, poiché sempre più persone scelgono di trascorrere la loro pensione su una casa viaggiante di qualche tipo – ma la maggior parte pianifica di farlo da un parcheggio per camper e un’ autostrada scorrevole fino al prossimo caravan park.

La Gran Bretagna è governata dai Gemelli a livello dell’ anima, quindi è caratterizzata da irrequietezza e curiosità che si traduce in molto movimento e viaggio – in tutto il mondo e localmente.

Quindi, se si vuole rimanere entro il budget, allora bisogna trovare le alternative ai parcheggi per camper, come: alcuni parcheggi dei supermercati (! Yechh), piazzole di sosta sulla strada (molto rumoroso e ventoso per i camion), discretamente dietro alcuni alberi, o anche proprio fuori dalla casa di qualcuno in una strada dei sobborghi se siete troppo stanchi e volete solo dormire! E’ tutto un po’un gioco,’  galleggiare e immergersi ‘, come un mio amico di Manchester descrive la vita; in modo che quando si sta in un parcheggio per Camper per usare i loro servizi, sia come una notte all’Hilton!

Tuttavia bisogna stare attenti. Ho notato dai miei viaggi in Nuova Zelanda e Australia, che alcuni luoghi hanno bisogno di una bella occhiata  prima di prendere la decisione di accamparsi, non solo per l’ovvio punto di vista per la sicurezza esterna. Sto parlando di più di ‘sicurezza astrale’. Ci sono luoghi dove semplicemente non si dovrebbe rimanere a causa delle energie molto ‘sporche’ per tutto quel che è accaduto lì recentemente o più anticamente. A volte non lo si può dire fino a quando si è passata una notte lì e tutto si è rivelato attraverso i vostri sogni. L’esperienza può variare da una antica e dolorosa sofferenza , a una di grande guarigione da parte dei deva locali!

Image result for thief breaking into car

Una notte appena dopo il viaggio iniziato in Gran Bretagna, sono stato svegliato improvvisamente dal sonno da un suono alle 2.30 del mattino, da un forte tonfo sul un lato del camper, che oscillava da un lato all’altro. In un primo momento non ho potuto davvero realizzare cosa fosse successo, ero ancora mezzo addormentato. In realtà stavo cercando di capire dove fossi, questo accade molto spesso quando sono in viaggio. Sono in Perù, a Phoenix o in Gran Bretagna?

Ah, sì, ho pensato, io sono in Gran Bretagna e hanno i tassi qui, ma rimangono a terra e nelle tane, come i vombatidi . In Australia ero abituato agli opossum che a volte saltavano sul tetto e ci camminavano pesantemente sopra. Avevo scelto una grande Fiera per parcheggiare quella notte, dove c’erano un altro camper e un camion; era una piccola cittadina di campagna inglese. Armeggio in giro, cercando di trovare la mia torcia per ancora cinque minuti e poi la macchina comincia a dondolare di nuovo – qualcuno sta cercando di entrare dalla porta principale del furgone!

Scruto tra le tende in cabina anteriore e vedo un giovane ragazzo in felpa con cappuccio che sta scuotendo la maniglia della porta. Non so se è armato, ma sta ovviamente cercando di spaccare qualcosa e di entrare con l’elemento sorpresa. Utilizzo la mia più profonda e spaventosa voce e gli dico di sgombrare, ma mi viene fuori più come un farfugliamento assonnato! Lui resta ancora davanti alla porta, così intuisco cosa fare: sbirciando in cabina con testa tra le tende, mi metto la torcia sotto al mento, verso il viso, sgranando gli occhi indietro, e ha funzionato – ha preso il largo come un coniglio spaventato! Inutile dire che non ho dormito molto per il resto della notte e ho avuto un giorno successivo piuttosto squallido.

Galles
A Luglio mi sono diretto verso sud del Galles, fermandomi in sosta lungo la strada per un caffè e per vedere diverse persone con la testa rossa – sembrano essercene più qui che più a sud! Un giovane ragazzo aveva una chioma arancio fiammeggiante, lunghi riccioli di fuoco lungo la schiena come a dire, ‘d’accordo, sono Celtico!’

Trovo la strada per Pontypridd, sede della famosa ‘rocking stone’ (lett. pietra dondolante) e di vari cerchi di pietre. E’ anche la città natale di un altro rocker, Tom Jones. Immagino sentire pezzi di ‘Green Grass of Home’, appena guido attraverso la città. (Interessante notare che la capra vagante ‘non cerca mai quella verde, l’anima -la vera casa)

Beh, la pietra non è più roccia a causa dei turisti che saltano sulla parte superiore da molti anni, ma il cerchio di pietre in piedi parla di alcuni seri rituali sacri che, senza dubbio,  hanno avuto luogo qui molto tempo fa.

La Blavatsky ci dice che gli antichi costruttori impostavano queste gigantesche pietre affichè rispondessero al minimo tocco con un solo dito – o anche con la voce – che spostavano una pietra di diverse tonnellate. Pontypridd era un posto molto cupo, con nuvole scure sopra le montagne per un attimo, raffiche di pioggia e sole splendente il momento successivo,  riflette certamente il quarto raggio di nuovo – gli alti e bassi, gli estremi o opposti. Ho avuto una forte attrazione in qualche modo mistica del luogo e l’ho lasciata in sospeso per diverse notti in profonda riflessione.

Il Gallesi, tra l’altro, sono un popolo molto caldo, anche se, come il resto del mondo, piuttosto multiculturale. Tuttavia, in un luogo turistico locale, ho notato che ci sono un po’di cose che per i Gallesi si fanno e altre no, una delle quali è ,’ non essere troppo amichevole con gli inglesi! ‘

Nello spirito di Dylan Thomas, vi lascio con una delle mie recenti poesie, che nasce dall’ultimo passaggio di Plutone in transito quadrato alla mia Luna, qualche mese fa:

I die a thousand deaths
upon the altar of my illusions
until the Real Life
hunts me down
cornering its quarry
now divested of its burdens
surrendering
to the friendly foe…

… free-falling
the endless abyss
like a sky-diver in the night
who cannot remember
whether he packed his chute
as the bottomless deep
rushes up relentless
requiring
relinquishment and release.

Morirò migliaia di morti
sull’altare delle mie illusioni
fino a quando la Vita Reale
mi avrà rintracciato
accaparrandosi la preda
ora spogliata del suo fardello
Arrendersi
al nemico amichevole …

… caduta libera
l’abisso senza fine
come un paracadutista nella notte
che non può ricordare
se ha ben piegato il suo paracadute
come la profondità senza fine
precipita implacabile
richiedendo
abbandono e rilascio.1

Phillip Lindsay © 2010.




Donations in $ US $.
($$$ – Check exchange rates – $$$)


L’Odissea delle Origini :Diario di viaggio #2: Galles & Scozia2010. (Iona, le Isole Orcadi, Findhorn.)


L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#1 – Gran Bretagna 1. 2010
L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#2 -Gran Bretagna 2. 2010

L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#3 – Costa Rica, Grecia 2010
L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#4 – Grecia & Creta 1. 2011
L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#5 – Greciae & Creta 2. 2011
L’Odissea delle Origini: Diario di Viaggio#6 – Grecia & Creta 3. 2012

  1. Diario di Viaggio tradotto da Simonetta Martini []
Posted in Italiano, Travel Blog | Leave a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *